La T.I.N.

La Terapia Intensiva Neonatale è quel reparto che ospita e cura:

  • i neonati pretermine e/o di basso peso specialmente se < di 32 settimane e/o con peso < 1500gr
  • i neonati a rischio (sia pretermine che a termine con problemi di adattamento alla vita extrauterina a causa di una gravidanza, di un travaglio o di un parto difficile)
  • i neonati con problematiche gravi ovvero con difetti congeniti o problematiche di tipo metabolico o renale.

La terapia intensiva neonatale dell’Ospedale Barone Romeo di Patti,  dispone di 3 posti letto di Terapia Intensiva      (+1 in isolamento) a cui afferiscono neonati di peso alla nascita molto basso oppure affetti da patologie importanti.   In tale area vengono utilizzate tutte le apparecchiature necessarie per una assistenza globale e ad alto livello (ventilazione meccanica tradizionale e ad alte frequenze, ossido nitrico, monitoraggio ecografico delle alterazioni cerebrali, cardiache e renali, alimentazione parenterale, ecc.) e vengono messe in atto tutte le misure organizzative, strutturali e culturali atte a favorire la “care” e la promozione dell’ allattamento al seno.

T.I.N. Patti

Solitamente al suo interno è organizzato in un’unità di terapia intensiva (per i neonati più gravi), una sub-intensiva (per i meno gravi) ed una di patologia neonatale (per quelli in dimissione o con problematiche lievi).

Il reparto opera sempre in stretta collaborazione con le Unità di Cardiologia, di Chirurgia, Neurologia, Oculistica, Audiologia, Ortopedia e si avvale sempre del supporto di Psicologi e Assistenti sociali; questo in quanto fornisce assistenza personalizzata e finalizzata non soltanto al benessere del fisico e psichico del bambino ma anche della sua famiglia,  la nascita prematura è un evento che coinvolge e “stravolge” l’esistenza non soltanto del neonato, ma anche di tutta la sua famiglia.

In generale, le Terapie Intensive Neonatali si avvalgono di numerosi macchinari per poter permettere la vita; prima di tutto vi sono le incubatrici che sono dei dispositivi medici chiusi, che riproducono condizioni simili a quelle della vita intrauterina assicurando al neonato il giusto livello di ossigenazione, temperatura, umidità, nutrimento, fino a quando non sono in grado di sopravvivere autonomamente nelle normali condizioni ambientali. Per la loro complessità, hanno lo stesso prezzo di un automobile! Esse sostituiscono il ventre materno in attesa che il bimbo giunga alla maturità necessaria per poter vivere senza alcun ausilio medico.

Ovviamente, sono poi necessarie tutte le attrezzature tipiche di una Terapia Intensiva: strumenti per l’intubazione dei neonati, aspiratori, ossigeno, saturimetri, macchine della pressione miniaturizzate, attrezzature sterili, monitor per il controllo dei parametri vitali….

Un’attenzione elevata viene data al mantenimento di un ambiente quanto più possibile sterile per evitare di portare nel reparto virus e batteri provenienti dall’esterno che potrebbero minacciare la vita dei piccoli neonati. Per questa ragione anche i genitori devono osservare delle norme di igiene fondamentali prima di entrare in reparto: lavarsi accuratamente le mani prima di entrare, indossare camice e copriscarpe, mettere una mascherina sul viso in caso di raffreddore. Trattandosi di un interesse comune, TUTTI sono determinati nell’osservare tali norme!

Salvo